fbpx
     
                 
     

PARAFFINA: ECCO PERCHE’ NON UTILIZZARLA

petrolio su donna

Oggi, affrontiamo un argomento, molto delicato, che ancora la maggior parte dei consumatori, non ha ben chiaro: la PARAFFINA.

Come ben saprete, dal 1997, è OBBLIGATORIO, inserire su ogni prodotto, l’INCI….che cosa è? Semplice, l’elenco degli ingredienti che si trovano in un singolo prodotto, l’ordine in cui sono scritti, è decrescente…..cioè il primo che troviamo indicato è la base del prodotto, poi via via tutti gli altri in percentuali variabili. Ebbene, spesso si vedono in vendita prodotti che sbandierano sulla confezione proprietà eccellenti e ingredienti di derivazione totalmente naturale. Ma se non ci si ferma alle apparenze e a ciò che viene pubblicizzato sulla confezione, si scoprono spesso delle brutte sorprese, a dimostrazione del fatto che noi consumatori veniamo sempre più considerati come dei meri esseri a cui far spendere soldi, senza ovviamente far sapere per cosa vengono spesi è cioè cosa effettivamente si sta comprando!

Ma che cosa è la PARAFFINA?


“La paraffina liquida (nome INCI: Paraffinum Liquidum, Petrolatum )è molto usata nel settore cosmetico come agente filmante, dando la sensazione di levigatezza. Sebbene abbia una indiscussa azione antidisidratante, in virtù del suo potere filmante, essa occlude i pori della pelle, impedendone la corretta traspirazione.”

Bene, risultato: ci spalmiamo sulla pelle un derivato dalla raffinazione del petrolio, inquinante, non biodegradabile, recentemente inserito dalla direttiva europea tra i cancerogeni di classe II.

La paraffina è stata dunque dichiarata cancerogena dalla comunità europea, ma a causa di un piccolo cavillo (“è cancerogena per via delle impurità contenute, ma se un produttore sostiene che la sua è pura, può inserirla nel cosmetico”) è ancora ampiamente utilizzata. Il motivo è semplice; a differenza di prodotti vegetali e molto più validi costa poco e non irrancidisce.

Come agisce sulla pelle?

La sua funzione è quella di solvente, emolliente.
Dato che non e’ possibile aggiungere fisicamente acqua alla pelle,  l’unico potere idratante esercitato da un cosmetico è tentare di limitare l’evaporazione dell’acqua presente sulla sua superficie. A tal fine la paraffina “idrata” formando una vera e propria barriera tra l’epidermide e l’ambiente.
Tale barriera è però  innaturale e pericolosa, in quanto composta da molecole estranee a quelle dello strato idro-lipidico della pelle (la miscela di grasso e acqua distribuita sull’epidermide che costituisce l’idratazione naturale). La traspirazione ne risulta quindi ostacolata, i germi presenti sulla pelle restano intrappolati dalla paraffina e provocano irritazioni e favoriscono l’acne, specialmente su pelli predisposte.

Malattie e Irritazione sulla pelle causate dalla Paraffina

Volendo riassumere il concetto con un solo termine, diciamo che la paraffina è un composto comedogenico, cioè crea un “tappo” sui follicoli piliferi, facendo sì che cheratina, sebo, polvere si ossidino agevolando in tal modo la formazione degli odiosi “punti neri”, ovvero i comedoni, e la follicolite….contate, mie care ragazze, che le cerette liposolubili, sono a base di Paraffina MARRONE e GIALLA (certo perchè la bianca, costa troppo) contengono tracce e residui dell’estrazione degli idrocarburi e lubrificanti….che il PETROLIO ci offre…..

E’ già…..la paraffina si estrae dal petrolio!!

Quindi, morale della favola: un prodotto che costa poco, ma di cui se ne osannano le capacità, non sempre è sinonimo di QUALITA’, perdiamo un minuto, prima di acquistare, nel leggere l’INCI, e iniziamo a preferire prodotti dove questo elemento a prescindere NON c’è!


Lascia un commento